Loading...
X

radio onda d’urto: FERTILITY DAY: IL MINISTERO DELLA SALUTE E LA DONNA “ANGELO DEL FOCOLARE”.

Il prossimo 22 settembre arriva il primo #Fertilityday, promosso dal ministero della Salute. Obiettivo ufficiale, annunciato dalla ministra Beatrice Lorenzin: “per richiamare l’attenzione di tutta l’opinione pubblica sul tema della fertilltà e della sua protezione.

La sua istituzione è prevista dal Piano Nazionale della Fertilità(sic…) per mettere a fuoco, con grande enfasi, “il pericolo della denatalità nel nostro Paese, la bellezza della maternità e paternità, il rischio delle malattie che impediscono di diventare genitori, l’aiuto della medicina per le e per gli uomini che non riescono ad avere bambini”.

Una mossa che richiama un’immagine arcaica della famiglia e della donna, con inquietanti richiami alle politiche pro-natalità del Ventennio e al motto “Il numero è potenza”, a partire dagli slogan scelti per la campagna pubblicitaria, da ‘La bellezza non ha età, la fertilità sì’ a ‘Datti una mossa! Non aspettare la cicogna’, passando per ‘Genitori giovani. Il modo migliore per essere creativi’ e ‘La fertilità è un bene comune’.

Sulla testa della Lorenzin piovono ora le critiche, sia per la riproposizione della donna come semplice angelo del focolare e sfornatrice di prole che per i continui ostacoli che il sistema di comando del capitale odierno, tra sfruttamento, sessismo, precarietà e tanto altro ancora, pone alle donne, il cui corpo resta un campo di battaglia e di sfruttamento più dirompente di altri.

Il commento di Chiara, del collettivo anticapitalista e femminista Me-DeA di Torino.

ascolta su http://www.radiondadurto.org